Agevolazioni per progetti di ricerca e sviluppo nell’ambito delle aree Fabbrica Intelligente, Agrifood e Scienze della Vita.

Il decreto ministeriale 5 marzo 2018 definisce una nuova agevolazione in favore dei progetti di ricerca e sviluppo promossi nell’ambito delle aree tecnologiche Fabbrica intelligente, Agrifood e Scienze della vita, coerenti con la Strategia nazionale di specializzazione intelligente, approvata dalla Commissione europea nell’aprile del 2016.

L’intervento agevolativo verrà attuato secondo due differenti procedure:

  • valutativa a sportello per i progetti con costi ammissibili compresi tra 800.000 e 5 milioni di euro, nelle Regioni meno sviluppate e in transizione;
  • valutativa negoziale per i progetti con costi ammissibili compresi tra 5 e 40 milioni di euro, da realizzare sull’intero territorio nazionale.

SOGGETTI BENEFICIARI:

Possono beneficiare delle agevolazioni:

  • le imprese che esercitano le attività di cui all’articolo 2195 del codice civile, numeri 1) e 3), ivi comprese le imprese artigiane di produzione di beni di cui alla legge 8 agosto 1985, n. 443;
  • le imprese agro-industriali che svolgono prevalentemente attività industriale;
  • le imprese che esercitano le attività ausiliarie di cui al numero 5) dell’articolo 2195 del codice civile, in favore delle imprese di cui alle lettere a) e b);
  • centri di ricerca con personalità giuridica.

ATTIVITÀ:

I progetti devono prevedere un rilevante impatto tecnologico, in grado di incidere sulla capacità competitiva delle imprese anche al fine di salvaguardare i livelli occupazionali e accrescere la presenza delle imprese estere nel territorio nazionale.

Ai fini dell’ammissibilità alle agevolazioni, i progetti di ricerca e sviluppo devono:

  • essere realizzati nell’ambito di una o più delle proprie unità locali ubicate nelle Regioni meno sviluppate, nelle Regioni in transizione e nelle Regioni più sviluppate;
  • riguardare uno solo dei settori applicativi della Strategia nazionale di specializzazione intelligente “Fabbrica intelligente”, “Agrifood” o “Scienze della vita”;
  • prevedere spese e costi ammissibili superiori a euro 5.000.000 e fino a euro 40.000.000.

FINANZIAMENTO:

All’intervento sono assegnate risorse pari a 562,7 milioni di euro, di cui 440,1 a valere sull’Asse I – PON “I&C” 2014-2020 FESR e 122,6 milioni a valere sul Fondo per la Crescita Sostenibile.

Le risorse sono destinate come segue:

Per territorio:
287,6 milioni di euro alle regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia)
100 milioni di euro alle regioni in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna)
e 175,1 milioni di euro alle restanti regioni;

Per settore applicativo:
225,1 milioni di euro al settore “Fabbrica intelligente”
225,1 milioni di euro al settore “Agrifood”
e 112,5 milioni di euro al settore “Scienze della vita”;

Per procedura:
395,7 milioni di euro per la procedura negoziale
e 167,0 per la procedura a sportello.

SCADENZE:

fino ad esaurimento risorse

LINK AI SITI DI RIFERIMENTO:

Decreto 27 settembre 2018

Sito web per documenti e formulari


Richiedi maggiori informazioni

Nome
Cognome
Email
Oggetto
Messaggio

Dichiaro di aver letto e compreso l'informativa sulla privacy, per il trattamento dei miei dati personali da parte di Centro Europeo di Studi Manageriali e di esprimere il consenso all'utilizzo degli stessi per le finalità espresse nell'informativa.

Condividi questo post