Rapporto Ocse Fondi interprofessionali e Formazione Continua

Formazione Continua e Fondi Interprofessionali: il rapporto OCSE

Lo scorso 11 marzo l’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) ha pubblicato lo studio “Adult Learning in Italy: what role for Training Funds?”, un interessante focus sul ruolo della Formazione Continua e dei Fondi Interprofessionali in Italia.

Dal rapporto redatto dall’economista Alessia Forti emerge uno scenario poco entusiasmante per il nostro paese. L’Italia infatti fa ancora scarso uso di attività di formazione e aggiornamento della forza lavoro, ricorrendo poco e male alla risorse offerte dai Fondi Paritetici Interprofessionali: solo il 20% degli italiani partecipa ad attività di formazione, una quota che è la metà rispetto alla media Ocse.

Per raccogliere le sfide del mercato del lavoro in continuo cambiamento e «per mantenere il posto di lavoro o trovarne di nuovi, gli adulti in Italia avranno bisogno di aggiornare le proprie competenze durante l’intero arco della vita lavorativa». In questo contesto i Fondi Paritetici Interprofessionali Nazionali per la Formazione Continua, rappresentano un’opportunità per acquisire le competenze necessarie per emergere nel mercato del lavoro. Ma come sottolineato dall’Ocse, «i Fondi sono ancora poco noti in Italia, cosa che denota una insufficiente cultura della formazione e una bassa domanda di competenze, soprattutto tra le Pmi».

Che cosa sono i Fondi Paritetici Interprofessionali?

I Fondi Paritetici Interprofessionali nazionali per la formazione continua sono organismi di natura associativa promossi dalle organizzazioni di rappresentanza delle Parti Sociali. Attualmente in Italia sono operativi 19 Fondi (dei 22 autorizzati dal Ministero del Lavoro) di cui tre dedicati ai Dirigenti.

Secondo quanto previsto dalla Legge n.388 del 2000 (modificata dall’art. 48 della Legge n° 289/2002), le aziende possono destinare la quota dello 0,30% dei contributi versati all’INPS (il cosiddetto “contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria”) ad uno dei Fondi Paritetici Interprofessionali, attraverso il modello Uniemens. Ogni imprenditore ha quindi la facoltà di trasformare una quota dei contributi INPS in risorse da reinvestire nella crescita competitiva della propria azienda.

Le Raccomandazioni:

L’Ocse afferma che “i Fondi hanno bisogno di finanziamenti adeguati e sostenibili per funzionare bene”. Negli ultimi anni il governo invece ha effettuato dei prelievi forzosi sulle risorse destinate ai Fondi, assorbendone più del 40% nel 2017.

Per garantire che i Fondi vengano sfruttati al meglio, l’Ocse raccomanda di incoraggiare la formazione tra le PMI e i gruppi svantaggiati promuovendo una cultura della formazione, formando maggiormente gli imprenditori, riducendo i costi di formazione e la burocrazia e lanciando iniziative mirate ai gruppi svantaggiati. Va inoltre allineata la formazione ai reali fabbisogni delle aziende, consolidando e rafforzando il coinvolgimento delle parti sociali e vietando l’utilizzo dei Fondi per la formazione obbligatoria. Una priorità deve essere inoltre il coordinamento tra i diversi attori coinvolti stabilendo un Osservatorio Nazionale sulla Formazione Continua. Infine, deve essere garantito che i Fondi ricevano finanziamenti adeguati e sostenibili limitando, come già è avvenuto in passato, i prelievi da parte del governo.

Il ruolo del Centro Europeo di Studi Manageriali:

Il Centro Europeo di Studi Manageriali verifica regolarmente la disponibilità di risorse dedicate alla Formazione Continua.

Supportiamo le imprese iscritte ai Fondi Paritetici Interprofessionali nell’elaborazione, presentazione e realizzazione di piani formativi condivisi, sollevandole contestualmente da qualsiasi obbligo di natura amministrativa o burocratica.

Nello specifico ci occupiamo di:

  • rilevare il Fabbisogno professionale
  • progettare l’intervento formativo
  • predisporre la richiesta di finanziamento
  • erogare e monitorare le attività formative
  • certificare e rendicontare le spese sostenute

Ogni anno rinnoviamo il nostro catalogo formativo, proponendo un calendario di corsi e seminari destinati ad imprenditori, manager e e professionisti che vogliono investire sulle proprie capacità.


Richiedi maggiori informazioni

Nome
Cognome
Email
Oggetto
Messaggio

Dichiaro di aver letto e compreso l'informativa sulla privacy, per il trattamento dei miei dati personali da parte di Centro Europeo di Studi Manageriali e di esprimere il consenso all'utilizzo degli stessi per le finalità espresse nell'informativa.

Condividi questo post