incentivi lavoro

Contratto di Apprendistato: incentivi assunzioni

Il contratto di apprendistato è un contratto a tempo indeterminato, a causa mista (lavoro e formazione) di durata non inferiore a 6 mesi.

Questa tipologia di contratto è destinata a giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni

In particolare:

  • Apprendistato per la qualifica professionale: per i giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni che devono concludere il periodo del diritto-dovere di istruzione e formazione, ha una durata non superiore a 3 anni (4 anni in caso di diploma professionale quadriennale);
  • Apprendistato professionalizzante: per i giovani di età compresa tra i 18 (17 se in possesso di qualifica professionale) e i 29 anni, ha una durata non superiore a 3 anni (5 anni per i profili professionali caratterizzanti la figura dell’artigiano e individuati dal contratto collettivo). Consente al lavoratore di conseguite una qualifica attraverso la formazione sul lavoro;
  • Apprendistato di alta formazione e ricerca: per i giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, che siano in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore o del diploma professionale, per conseguire un titolo di studio di livello secondario o universitario. La durata è stabilita dalle regioni e dalle province autonome.

Tipologia ed entità dell’incentivo:


Gli incentivi per questa tipologia di contratto si configurano come incentivi di natura contributiva, economica, normativa e fiscale, vediamo di seguito nello specifico in cosa consistono:

Incentivo contributivo:

  • I datori di lavoro con un numero di dipendenti pari o inferiore a 9, hanno un’aliquota contributiva pari all’1,5% il primo anno, al 3% il secondo anno, al 10% dal terzo anno (ridotta al 5% per le assunzioni con contratto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale);
  • I datori di lavoro con un numero di dipendenti superiore a 9, hanno una aliquota contributiva pari al 10%.  Per le assunzioni con contratto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, l’aliquota contributiva è ridotta nella misura del 5%

Alle suddette aliquote contributive si aggiunge la contribuzione per l’assicurazione sociale per l’impiego, pari all’1,31% della retribuzione imponibile dell’apprendista.

L’incentivo contributivo è mantenuto per un ulteriore anno in caso di prosecuzione del rapporto al termine del periodo di apprendistato. Si precisa che, nei 12 mesi successivi alla trasformazione del contratto, anche del contratto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale (che dà luogo all’ulteriore riduzione al 5%) l’aliquota contributiva è del 10%.

Incentivo economico:

  • L’apprendista può avere un inquadramento fino a due livelli inferiore rispetto a quello spettante, in applicazione del CCNL, ai lavoratori adibiti alle medesime mansioni o può essere stabilita una retribuzione in misura proporzionata all’anzianità di servizio
  • I percorsi formativi possono essere finanziati con i Fondi paritetici interprofessionali di cui all’art. 118, l. n. 388/00
  • Le ore di formazione a carico del datore di lavoro sono retribuite nella misura pari al 10% della retribuzione dovuta (salvo diverse previsioni dei contratti collettivi). Per le ore di formazione svolte nelle istituzioni formative, il datore di lavoro è esonerato da ogni obbligo retributivo.

Incentivo normativo:

  • Gli apprendisti non rientrano nel computo dei dipendenti per l’applicazione di particolari normative e istituti contrattuali.
  • Le parti possono liberamente recedere dal contratto, con preavviso, al termine del periodo di apprendistato.

Incentivo fiscale:

  • Il costo degli apprendisti (retribuzione e formazione) è escluso dalla base per il calcolo dell’IRAP.

Ulteriore incentivo contributivo:

In caso di prosecuzione del contratto di apprendistato in rapporto a tempo indeterminato con giovani under 30:

  • esonero dal versamento del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro, nel limite massimo di € 3.000 annui, per un periodo massimo di 12 mesi.

Destinatari:


  • giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni, per il contratto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale
  • giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, per il contratto di apprendistato professionalizzante
  • giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, che siano in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore o del diploma professionale, per il contratto di apprendistato di alta formazione e ricerca.

Tipologia di contratto:


  • Contratto di apprendistato
  • Contratto a tempo indeterminato, per l’ulteriore incentivo in caso di prosecuzione del contratto di apprendistato in rapporto a tempo indeterminato

Casi di esclusione:


Sono esclusi dagli incentivi contributivi i datori di lavoro che non siano in regola con l’adempimento degli obblighi contributivi (DURC), con l’osservanza delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro, con il rispetto dei contratti collettivi nazionali, regionali, territoriali e aziendali sottoscritti con le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative.

Gli incentivi non spettano:

  • se l’assunzione costituisce attuazione di un obbligo preesistente;
  • se l’assunzione viola il diritto di precedenza alla riassunzione di altro lavoratore licenziato da un rapporto a tempo indeterminato o cessato da un rapporto a termine;
  • se il datore di lavoro ha in atto sospensioni dal lavoro per crisi o riorganizzazioni aziendali, salvo il caso in cui l’assunzione sia finalizzata all’impiego di lavoratori inquadrati in un diverso livello o addetti ad unità produttive diverse;
  • se il lavoratore è stato licenziato nei 6 mesi precedenti da parte di un datore di lavoro che, al momento del licenziamento, presentava assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con quelli del datore di lavoro che assume ovvero risulta con quest’ultimo in rapporti di collegamento o controllo.

Il ruolo del Centro Europeo di Studi Manageriali:


Il Centro Europeo di Studi Manageriali, inserito nel Catalogo Regionale per l’Offerta Formativa in Apprendistato, organizza corsi destinati agli apprendisti e ai tutor aziendali, affiancando le imprese nell’assolvimento di tutti gli obblighi previsti dalla normativa vigente. Come abbiamo visto infatti il Datore di lavoro è tenuto a rispettare, oltre le obbligazioni tipiche di un rapporto di lavoro subordinato, anche gli adempimenti in materia di formazione.

Il Centro Europeo di Studi Manageriali inoltre, in qualità di ente accreditato per i servizi per il lavoro può offrire consulenza sull’applicabilità degli incentivi e assistenza nell’individuazione della tipologia contrattuale più funzionale al fabbisogno dell’azienda.



Fonte: ANPAL – Repertorio Nazionale degli Incentivi



Richiedi maggiori informazioni

Nome
Cognome
Email
Oggetto
Messaggio

Dichiaro di aver letto e compreso l'informativa sulla privacy, per il trattamento dei miei dati personali da parte di Centro Europeo di Studi Manageriali e di esprimere il consenso all'utilizzo degli stessi per le finalità espresse nell'informativa.

Condividi questo post